mercoledì 31 ottobre 2012

PARTE LA SOSTA A PAGAMENTO - MA C'E' UN QUESTIONARIO...

il questionario per i pendolari
Da lunedì 5 novembre 2012 entrerà in vigore la nuova disciplina relativa all'organizzazione della sosta nella zona Movicentro di Arquata Scrivia.

Insomma, i famigerati parcheggi a pagamento per i non residenti. 

I tagliandi "gratta e sosta" potranno essere acquistati presso il BAR SUNRISE della Stazione Ferroviaria e presso il NEGOZIO OFELIA di Via Garibaldi 8.

E' intanto iniziata la distribuzione delle vetrofanie, ai residenti nel Comune di Arquata che ne hanno fatta richiesta, per i quali non sarà necessario pagare per il parcheggio.
La consegna avviene presso il Comando Polizia Municipale, in Piazza S. Bertelli 21, dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle 12.00.
Vi ricordiamo che per richiedere l'esenzione dalla sosta a pagamento, è necessario compilare i moduli che trovate all'interno di questo vecchio articolo, nel quale è spiegata nel dettaglio la disciplina delle zone blu e gialle. 

A questo link potete inoltre scaricare un questionario, finalizzato a percepire le effettive esigenze degli utenti, anche in un'ottica di rimodulazione della disciplina introdotta in via sperimentale.
Una volta stampato e compilato, il questionario deve essere depositato negli appositi contenitori dislocati presso il Bar Sunrise della Stazione, il Supermercato Unes, il negozio Ofelia e il Comune di Arquata Scrivia, oppure inviato via mail all'indirizzo poliziamunicipale@comune.arquatascrivia.al.it


ARQUATA VOLLEY: SCONFITTA IN CINQUE SET

Sara Destro
Bella prova, sul campo della Pallavolo Valle Belbo di Canelli, dell'Argos Lab Arquata Volley nel campionato di serie D femminile.
Quel che resta però è l'amaro in bocca per i tre punti volati via.

Di fronte ad un pubblico piuttosto caldo, le ragazze arquatesi dominano i primi due set, vinti per 25/23 e 25/18.

Anche la terza frazione parte bene per le bianco-blu, tanto da arrivare fino al 21/17. Quando la vittoria sembrava ormai a portata di mano, la squadra di casa piazza una inaspettata rimonta, grazie anche a due aces e due errori dell'Argos, chiudendo il set con il punteggio di 26/24.

La squadra di Tamburini accusa il colpo nel quarto set, e va sotto sino al punteggio di 8/1, per ritrovare poi la concentrazione e tentare la rimonta, che però non riesce. La Valle Belbo pareggia i conti con il punteggio di 25/21.

Il quinto set vede le due squadre appaiate fino alla fine. La differenza, ancora una volta, la fanno gli errori, consentendo la vittoria delle padrone di casa per 15/12.

Un vero peccato per il risultato finale, ma la buona prova esibita dall'Arquata Volley contro una formazione che non nasconde ambizioni di alta classifica, deve essere di buon auspicio per il campionato delle nostre ragazze.


TAO GED CON USAM KARATE

il Maestro Flavio Daniele
Se state cercando un modo originale per passare la sera di Halloween, probabilmente questo è un consiglio che potrebbe interessarvi.

Dopo il successo della presentazione dello scorso gennaio, mercoledì 31 ottobre dalle ore 20.00 alle ore 22.30, USAM KARATE organizza la prima lezione del metodo TAO GED, proposto dal Maestro Flavio Daniele.

Il concetto di base di questa disciplina è che consapevolmente o no, tutti si creano immagini mentali (fantasie, sogni, aspettative, proiezioni) che guidano nell'agire e orientano in positivo o in negativo il corso della vita. Un potere che può sorreggere o sconfiggere, i più non sanno come volgere tale potere al positivo.

Il primo livello di questo metodo è lo studio della visualizzazione creativa, un lavoro di ricerca che permette di individuare e modificare le immagini negative inconsce che condizionano la qualità della vita.
Ciascuno, con opportuno esercizio, può accedere alla propria fonte interiore di pace, attraverso i cinque sensi, trasformati in canali di comunicazione con la natura più vera.

Per partecipare e per informazioni, chiamate il numero 340 6670821. La quota contributiva è di € 10.

giovedì 18 ottobre 2012

MANIFESTAZIONI E TRIVELLE

la cresta dell'onda No Tav
C'era il rischio di ripetersi.
Di raccontare più o meno le stesse cose raccontate dopo la manifestazione del 26 aprile.
Qualcuno diceva: è solo un'altra manifestazione, che differenza c'è da quella di qualche mese fa?
E soprattutto qualcuno ancora si chiede... a cosa può servire una (un'altra) manifestazione?

La risposta, una delle prime risposte, è alla fine di questo articolo.

Basterebbe un'immagine per fare la cronaca della marcia popolare che sabato 6 ottobre ha portato circa 3000 persone (forse la Questura conta una persona sì, una no, altrimenti non si spiegano le 1500 presenze dichiarate) da Serravalle ad Arquata per dimostrare ancora una volta l'opposizione al Tav Terzo Valico: il cavalcavia del cimitero, all'ingresso di Arquata.
Un vero muro di persone nascondeva l'asfalto. Un muro colorato incorniciato da bandiere bianche e rosse. In quel "fotogramma" è racchiuso il messaggio di quella giornata, e delle iniziative che i comitati locali stanno portando avanti.

Tra i tanti discorsi fatti nei chilometri fatti insieme agli altri manifestanti, quello che più di ogni altro sembra sintetizzare le motivazioni del Comitato No Tav Terzo Valico di Arquata, si può sintetizzare con le parole di uno dei tanti ragazzi presenti:
la voce inizia a spargersi...
"E' chiaro, spero che questa linea non si faccia mai. Ma non è questo il punto, quello che dobbiamo fare noi è informare le persone. Spiegare, come stiamo facendo, perché il Terzo Valico è inutile e perché è dannoso. Vedere tante persone presenti alla serata sull'amianto è la prova che Arquata inizia ad interessarsi attivamente alle conseguenze dei cantieri, se mai ci saranno. E vedere tante persone in più, rispetto all'altra manifestazione, è il segno che stiamo lavorando nel modo giusto, e che dobbiamo continuare a parlare con le persone che ancora non ci seguono. Parlare a chi sta camminando con noi, non serve. Chi è qui sa già, e ha già deciso. Dobbiamo arrivare a chi ancora non conosce le nostre ragioni, a chi ancora pensa che il movimento No Tav sia violento - per fortuna non sono più in tanti a pensarlo - e politicizzato. Certo, ci sono le bandiere di qualche partito, ma sono poche, il resto è un mare bianco di bandiere No Tav, che con la politica non c'entra nulla. Nel corteo camminano insieme persone che aderiscono a tutte le sfumature degli schieramenti politici, dall'estrema destra all'estrema sinistra, perché hanno capito che la nostra salute, le nostre terre non hanno ideologia, ma hanno solo bisogno di essere difese."

Resta da raccontare l'ingresso nel corteo del Sindaco di Arquata Paolo Spineto, sempre presente e vicino al movimento, quando la marcia è arrivata in territorio arquatese, e un altro episodio forse più eclatante, sorprendente.
Il Parroco di Arquata, mentre il corteo attraversava le strade del centro, ha fatto risuonare a festa le campane della chiesa.

Il Parroco.

Di Arquata.

Forse allora il messaggio dei ragazzi del comitato sta viaggiando davvero veloce.

C'è una risposta da dare prima di chiudere il post.
A cosa può servire un'altra manifestazione?
Qualche giorno fa una trivella è stata montata in uno dei terreni che il Cociv aveva provato ad espropriare senza successo. La ditta che avrebbe dovuto effettuare dei sondaggi è entrata nel terreno senza nessun permesso. La cosa non è sfuggita ai No Tav, che hanno bloccato pacificamente i lavori. Ieri la trivella è stata portata via - sul sito www.notavterzovalico.info potete vedere diversi video registrati sul posto - senza fare neanche un buco. Uno dei responsabili della ditta si è giustificato dicendo "abbiamo letto male la mappa catastale"... 
Cosa c'entra la manifestazione? Quella, come altre iniziative serviranno a spiegare come si muove chi deve realizzare il Tav. Più persone conosceranno i particolari ("abbiamo letto male le mappe", ma dai!), più sarà chiaro il sopruso che stanno compiendo sulle nostre terre.

mercoledì 17 ottobre 2012

ARQUATA VOLLEY - LA NUOVA STAGIONE

Valentina Repetto, capitano
Dopo l'exploit in Coppa Piemonte, che ha visto l'Argos Lab Arquata Volley qualificarsi per le semifinali del 1 novembre, il 13 ottobre c'è stato l'esordio delle arquatesi nel loro secondo campionato di serie D.
Prima squadra a sfidare l'Arquata Volley nel palazzetto di casa è stata la formazione del Finimpianti di Rivarolo.

Davanti al pubblico amico le bianco blu hanno giocato una buona partita tenendo le avversarie sempre a debita distanza, soprattuto nei primi due set chiusi, nonostante qualche problema in ricezione, con l'identico punteggio di 25/20.

Nel terzo set la Finimpianti allunga, incassando però la rimonta delle ragazze di casa, che dal 18 pari in poi non lasciano spazio alle avversarie. L'ultimo set si chiude infatti sul 25/21.

Il secondo incontro, previsto per sabato prossimo, sarà una sfida decisamente più ostica, in trasferta sul difficile campo della Pallavolo Valle Belbo.

venerdì 5 ottobre 2012

MARCIA POPOLARE - 6 OTTOBRE

Praticamente in corner (aggiornare il blog senza essere comodamente seduti al proprio pc, tentando di utilizzare le connessioni ballerine degli alberghi si è rivelato un flop), vi ricordiamo l'appuntamento di domani, 6 ottobre, con la marcia popolare da Serravalle ad Arquata per dire no al Terzo Valico.

Per oggi vi rimandiamo all'articolo apparso sul sito del comitato No Tav - Terzo Valico, promettendo di pubblicare presto un resoconto della giornata di domani anche su queste pagine.